Lo Yoga è un valido aiuto nella preparazione sportiva degli atleti.

Infatti la pratica dello Yoga può essere integrata negli allenamenti sportivi, aiutando gli atleti a migliorare le loro prestazioni.

Un campione di fama mondiale come Cristiano Ronaldo ha già inserito lo Yoga e la meditazione nel suo programma di allenamento,  ma sono tanti i nomi illustri a praticare Yoga: Andy Murray e Maria Sharapova, campioni di tennis, il cestista Danilo Gallinari, la stella del calcio inglese Ryan Giggs. E poi ancora l’intera nazionale di rugby della Nuova Zelanda, gli All Blacks.  Anche la nostra Samantha Cristoforetti, la prima italiana nello spazio, afferma di essere appassionata di Yoga.

Sono quindi sempre più numerosi gli atleti che uniscono Sport e Yoga, anche se questa coppia può sembrare insolita. Poiché lo Sport presuppone azione e competizione, sembra essere in contrasto con lo Yoga, che si può definire una forma di meditazione in movimento.

Lo Yoga è un’antichissima disciplina olistica, frutto di conoscenze millenarie, la cui pratica porta numerosi effetti positivi. Nello Yoga non vi è competizione: ogni posizione va adattata alle caratteristiche del praticante, che impara così a mettersi in connessione con il proprio corpo e con il respiro.

Le tecniche dello Yoga armonizzano la mente ed il corpo, donano energia, concentrazione, forza e determinazione.

Ecco che lo può Yoga diventare un valido complemento all’allenamento settimanale.

I benefici dello Yoga per gli atleti.

La pratica dello Yoga combina tra loro Asana (posizioni), Pranayama (respirazione), Concentrazione e Meditazione.

►  Lo Yoga migliora la flessibilità, l’equilibrio e la coordinazione. Durante la pratica il corpo sviluppa calore, ed è così possibile dedicarsi ad allungamenti mirati di alcune fasce muscolari, secondo le necessità dell’atleta. Flessibilità, equilibrio e coordinazione migliorano le prestazioni sportive.

► La postura corretta è fondamentale nello Yoga. La pratica delle Asana richiede attenzione al preciso e sicuro allineamento degli arti. 

La ripetizione ritmica delle posture in armonia con il respiro sviluppa la forza e la resistenza. Lo Yoga non è solo esercizio statico e meditazione: le sequenze di Vinyasa Yoga attivano tutto il sistema cardio-circolatorio.

► Nello Yoga è fondamentale il controllo del respiro: nel Vinyasa Yoga ad ogni movimento è associato un respiro. Si studia inoltre il Pranayama: esercizi di respirazione. Il Pranayama aumenta la capacità polmonare e permette di gestire al meglio le proprie emozioni. 

L’impegno nell’esecuzione delle sequenze dello Yoga migliora la capacità di concentrazione e di focalizzarsi sugli obiettivi. Aumenta inoltre la consapevolezza della propria condizione fisica e mentale.

► Imparare le tecniche di rilassamento aiuta ad affrontare momenti di tensione e facilita il sonno. Quando si avvicina una competizione un atleta può sentirsi particolarmente nervoso, soffrire di ansia ed insonnia. Lo Yoga, nella sua completezza, aiuta a controllare questi disturbi. Un atleta ben riposato sarà più efficiente e performante. 

Ecco che la pratica dello Yoga, con la sua combinazione di posture, respirazione, meditazione e tecniche di rilassamento, regala un vero momento di benessere globale.

 

 

Tagged on: